Intervista a Fernando Camilleri autore di Zucchero filato volante

zucchero
Intervista all’autore

Ciao Fernando! Benvenuto al Sole e Luna Blog. Allora, chi è il realtà Fernando?

Fernando è una persona che ama la solitudine e il silenzio. Una persona che spesso si isola dal frenetico mondo della gente per rifugiarsi in un confortevole mondo di fantasia. Una persona che sogna.
C’è chi gli rimprovera di trascorrere troppo tempo chiuso a chiave nella sua stanza, ma è proprio quella chiave a rendere Fernando libero: la prigione è fuori, la salvezza è tra quelle quattro mura.
C’è chi dice che Fernando sia pazzo. Ma il suo psichiatra, mentre tenta disperatamente di mettergli la camicia di forza, afferma il contrario.
Qual è la tua passione più grande?
La mia più grande passione è il mare. Vado in spiaggia tutto l’anno e quando dico tutto l’anno intendo da gennaio a dicembre. E naturalmente ci vado in costume anche d’inverno. Le nuotate fuori stagione sono quelle che preferisco perché adoro la sensazione che mi dà l’acqua fredda sulla pelle. In estate però il mare mi stressa a causa della confusione, della baldoria e del caldo insopportabile, per cui ci vado all’alba e me ne scappo a casa all’arrivo dei primi bagnanti.
Andiamo al tuo libro: Zucchero filato volante. Ti va di esporci brevemente di cosa tratta?
Zucchero Filato Volante è la storia di un ragazzino che vuole diventare astronauta, ma non solo. E’ anche la storia di un ragazzo che cade nel baratro della tossicodipendenza, di un altro che non riesce a smettere di masturbarsi, di un’anziana donna affetta da cleptomania, di un uomo tradito dalla moglie e di un altro che annega il dolore di una perdita nell’alcol. Il tutto condito dalla presenza di creature provenienti dallo spazio. Zucchero filato volante è un sogno, ma allo stesso tempo è la realtà del nostro mondo avvelenato.
Felice è un bambino abbastanza maturo per la sua età. Vorresti dire qualcosa ai suoi coetanei?
Forse Felice si è sforzato di crescere velocemente a causa della morte del padre e ai suoi coetanei voglio soltanto dire di restare bambini per il maggior tempo possibile. Quella di Felice, secondo me, è l’età più bella: godetevela.
Ti sei ispirato a qualcuno per dar vita al tuo Felice?
No. Non mi ispiro mai a qualcuno per creare i miei personaggi. Anzi, cerco di leggere e conoscere tutto ciò che è già stato scritto e inventato per cercare di dare vita a storie uniche e originali.
Come ho già presupposto nella recensione, credo che il tema principale di questo libro sia la salvaguardia del nsotro pianeta. Concordi? Vuoi aggiungere qualcosa su tale affermazione?
Mi ha sorpreso positivamente il fatto che tu sia riuscita a tirar fuori il vero cuore del romanzo. Il tema principale è proprio quello della salvaguardia della Terra. Poi vengono scoperti altri pianeti sui quali potrebbe esistere la vita e tutti vogliono scappare via…
Io vorrei provare a salvare il mio pianeta, ma so di non poterci riuscire: gli uomini me lo impedirebbero.
La scelta del NANO. Credo sia una trovata davvero geniale e al contempo bizzarra, perchè hai affiancato la fantasia alla realtà odierna. In quale genere letterario collocheresti il tuo libro?
Ho mischiato elementi fiabeschi come il nano, il bosco, il flauto e i gufi, alla vita di tutti i giorni. E ho mischiato il fantasy con la fantascienza, il grottesco con l’horror, il surreale con l’assurdo. Per cui, il mio libro si inquadra perfettamente nella Bizarro Fiction, un genere letterario nato nel 1999 grazie allo scrittore statunitense Carlton Mellick III.
 
Pensi di continuare a raccontarci la storia di Felice o lascerai a noi lettori la curiosità di sapere “Chissà che fina ha fatto Felice”?
La fine di Felice e dell’umanità stessa è lì, tra quelle 140 pagine. Ogni lettore ha la possibilità di trovarla, ma non è detto che sia per tutti la stessa.
Come ti vedi fra 5 anni? Hai in serbo per noi altre tue opere?
Tra cinque anni mi vedo sotto un ponte, coperto di cartoni, a fare il lavoro più bello del mondo: lo scrittore. Il mio obiettivo minimo è quello di pubblicare un romanzo all’anno. Spero però che tra cinque anni avrò alle spalle già sei o sette libri editi.
E’ possibile seguirti sui social? Se sì, dove?

E’ possibile seguirmi sulla pagina facebook di Zucchero Filato Volante e sul mio canale youtube.

Ecco i link:

https://www.facebook.com/Zucchero-Filato-Volante-Fernando-Camilleri-296442424046198/

https://www.youtube.com/channel/UCi1GsAYEPBwQnPnxs2YP6xw

Ok. Grazie per aver dedicato un po’ del tuo tempo a noi. Noi del Sole e Luna Blog ti auguriamo buona fortuna per tutto.

Sono sempre pronto a scambiare opinioni. Vi aspetto.

INTERVISTA A CURA DI ADRIANA SANFILIPPO

Condividi adesso!
Precedente Intervista a Diana Mistera autrice di "Orpheus" Successivo Recensione a "Hermanos" di Alessandro Bogani e Edoardo Pozzoli

Lascia un commento

*