Una conversazione con Aletheia Editore, casa editrice senza contributi e no profit

EDITORE
ALETHEIA

Ciao a tutti, oggi sono qui per parlarvi di una Casa Editrice completamente gratuita, che sta cavalcando l’onda del crowdfunding, una tecnica editoriale recentissima che permette all’editore di testare il terreno prima che il libro possa essere pubblicato per capire quanto l’autore e il libro stesso siano spendibili.

L’altro giorno ho avuto la fortuna di poter chiamare, durante il mio viaggio di ritorno Roma-Liguria, l’editore di Aletheia Federico Faccioli, e qui di seguito vi riporto i punti salienti della nostra chiacchierata.

Federico mi ha subito chiesto di darci del “tu” e abbiamo inizialmente discusso dei miei interessi, del mio curriculum e del libro che ho presentato via email ad Aletheia, sperando in una valutazione e pubblicazione. Lui ha voluto capire che tipo di persona sono, perché ha detto che quello che conta al mondo d’oggi, oltre a un libro interessante e ben scritto, è anche la persona e come essa si pone dinanzi al pubblico: sa interagire? Sa auto-promuoversi? Crede in se stessa? 

Aletheia non chiede contributi né tantomeno domanda all’autore di acquistare delle copie. Si autoproclama contro qualsiasi tipo di editoria a pagamento, ed è una no profit, aspetto interessante, questo, e offre reali guadagni sui diritti d’autore.

Federico mi ha detto che trovano il mio libro e il mio curriculum interessante, e mi ha chiesto di attendere dieci giorni affinché il comitato lettura dia un parere definitivo. Considerate che li ho contattati qualche giorno fa, quindi Aletheia si muove in tempi davvero rapidi. 

Ho notato, sia parlando con Federico che attraverso lo scambio mail, alcuni punti di forza di questa casa editrice, e qui vorrei segnalarveli:

– La rapidità nella risposta, e la disponibilità continua

– la chiarezza e la trasparenza

– l’interesse di avere un continuo scambio di idee, suggerimenti, opinioni, e un continuo dialogo con l’autore, e non solamente via mail, ma anche chiamandosi

– l’energia positiva di Federico, non ho conosciuto il suo staff, ma dalla chiacchierata telefonica con Federico ho capito che è una persona instancabile, grintosa, con forti doti comunicative e relazionali, capace di trasmettere la sua energia alle persone che gli stanno vicino

– la voglia di organizzare eventi che possano promuovere l’autore

– la voglia di stare al passo coi tempi, di proporre qualcosa di nuovo, inedito.

Vedremo se riuscirò a pubblicare con loro e il tipo di contratto editoriale che mi verrà offerto. Comunque andrà, ho voluto condividere con voi lettori l’esperienza avuta con Aletheia, una delle poche case editrici che pubblicano senza contributi.

SITO WEB ALETHEIA

PAGINA FACEBOOK ALETHEIA

Condividi adesso!
Precedente Segnalazione a "SWEET: Una dolce conquista" di J. Daniels Successivo Recensione a "Allegra" di Emanuele Martinelli

2 thoughts on “Una conversazione con Aletheia Editore, casa editrice senza contributi e no profit

  1. un angelo custode il said:

    fuggi appena puoi lontana da questa casa editrice, il cui unico interesse è quello di accaparrarsi l’anticipo che verserai per avere le copie del tuo libro. Sarai abbandonata poi come carta straccia. Si disinteresserà del tuo libro il giorno dopo aver ricevuto il denaro. Ci sono tante Case editrici disposte a pubblicare le opere meritevoli senza alcun contributo economico, che hanno davvero interesse a lavorare insieme all’autore perchè su di lui investono le proprie risorse. Aletheia non investe nulla di proprio, si limita a prendersi il tuo denaro con cui pagare la stampa e guadagnarci sopra.

  2. Dylan Berro il said:

    Salve, in teoria nei loro contratti non c’è l’anticipo, perché tale è il contributo… semmai c’è il preordine, a carico di chi è interessato alla lettura del libro. Comunque, io qui ho riportato la conversazione con l’autore, per ora sono in attesa del contratto. Grazie!

Lascia un commento

*