Laura Bellini: è in uscita il mio ultimo romanzo

Ciao Laura, pronta per questa nuova intervista?

Ciao Dylan. Sempre pronta quando si tratta di libri, che siano i miei o quelli di altri autori, l’importante è che se ne parli.

Hai voglia di presentare al pubblico il romanzo “Lontano da te”?
“Lontano da te” è, probabilmente, il romanzo a cui sono maggiormente legata. Raccontare le vicende dei protagonisti mi ha coinvolta a tal punto da sentire il bisogno di dargli voce in ultimo capitolo della saga. In questo primo libro si presenta Elena, una giovane ragazza da sempre appassionata del settecento, che si sente incompleta, ancora alla ricerca di una parte di sé che sente lontana. Attraversa un momento difficile; la storia con Samuele, un uomo molto più grande di lei padre, inizia a traballare. Elena non si accontanta più dei ritagli di tempo che lui le dedica e decide di voltare pagina. L’occasione le arriva durante un weekend in Toscana con l’amica del cuore, dove conosce una strana vecchietta tacciata da tutti come pazza che le parla della possibilità di viaggiare nel tempo. Elena le crede, nonostante gli ammonimenti  e gli avvertimenti dell’amica, all’insaputa di tutti decide di buttarsi a capofitto in quella nebbia. Ciò che la attenderà al suo arrivo sarà il mondo che ha sempre sognato, ma non solo. Lo sfavillante luccichio della nobiltà torinese non sarà sufficiente a proteggerla dall’unica cosa da cui nessuno di noi resta immune: l’amore. Un amore che le capovolgerà vita trascinandola fino all’inaspettatissimo finale.

Leggendo “Lontano da te” mi ha colpito molto l’idea della lettera: hai immaginato che il presente e il passato potessero comunicare tra di loro con delle lettere. Da cosa nasce questa scelta?
A chi non piacerebbe trovare un forziere pieno di lettere antiche? Diciamo che l’idea nasce dalla necessità di costruire una trama che si alterna fra passato e presente. Dovevo escogitare un modo che permettesse ai protagonisti delle varie epoche di interagire fra loro. Non c’è niente di più romantico di una lettera, un foglio vergato dalla calligrafia della persona che si ama, da custodire, accarezzare e odorare! In questo mondo fatto di tecnologia, dove perfino i libri si possono leggere in ebook, volevo ricreare la magia di tenere fra le mani un pezzo di carta.

Scrivi spesso storie d’amore che raccontano vicende ricche di avventura e colpi di scena. E’ forse il romanzo che parla di amore, quello che più ti interessa? E come può, un romanzo di amore, non annoiare il pubblico?
E come può l’amore annoiare? La nostra quotidianità parla d’amore. Amiamo il cielo limpido del mattino, i nostri genitori, i figli. Amiamo gli amici, amiamo il nostro lavoro. La vita è fatta d’amore. Quando scrivo una storia, non penso a come verrà catalogato il romanzo, ci metto dentro tutto quello che il cuore mi suggerisce al momento. Detto questo non credo di svegliarmi una mattina e mettermi a scrivere thriller, non fanno parte di me, ma mai dire mai!

Siamo tutti in attesa del seguito di “Lontano da te”, nonché di “Ancora tu”. Puoi darci qualche anticipazione?
In “Ancora tu” troviamo Elena cresciuta, più matura e consapevole. La sua vita con Andrea la appaga e ha finalmente ritrovato l’equilibrio. Ed è proprio quando meno se l’aspetta che, una figura solitaria irromperà nella sua realtà stravolgendola con una notizia terribile. Il destino delle persone che ama è ora nelle sue mani e il passato non è più tanto lontano come credeva.

Quanto ci hai impiegato a scrivere quest’ultimo libro? Preferisci scrivere di giorno o di notte?
Ci vuole circa un anno a redigere un romanzo completo di revisioni e correzioni, poi dipende molto da come fluisce la storia, ma in genere questo è il tempo che impiego a finire un manoscritto. Scrivo quando le dita iniziano a prudere, non ho un momento della giornata più consono cerco solo di farlo quando le vicende si accavallano nella mia mente e scalpitano per uscirne.

Ti faccio un’ultima domanda. Come è nata, in te, l’idea di pubblicare un libro?
Ho scritto il mio primo romanzo “Il coraggio dell’amore” circa dieci anni fa e l’ho chiuso in un cassetto per lungo tempo. Ho però continuato a scrivere e alla fine un amico professore mi ha suggerito di iniziare a cercare delle case editrici. Ho deciso di dar luce ai miei lavori per il piacere che mi davano i commenti positivi della cerchia, ristrettissima, di persone, cui avevo fatto leggere le mie bozze. Ora sono alla terza pubblicazione, ma ogni volta è un’esperienza nuova!

INTERVISTA A CURA DI DYLAN BERRO. SI RINGRAZIA LAURA BELLINI PER LA DISPONIBILITA’.

Condividi adesso!
Precedente Dylan Berro: nel mio secondo romanzo più violenza e grande ruolo per Paola. Successivo Come avere subito "Sole e Luna - gnosis auton"?

One thought on “Laura Bellini: è in uscita il mio ultimo romanzo

Lascia un commento

*