#Recensi-Dì: Black Wizard – Lullaby

Oggi vi parleremo di “Black Wizard + forte del tempo” di Lullaby.

Curiosi?

Jade è una protagonista molto particolare, misteriosa e nello stesso tempo donna comune, innamorata della vita e di Jacques, un amore per il quale decide di andare contro tutti, una scelta che pagherà amaramente.

Conosco solo parte della mia storia. Le mie origini sembrano ammantate di mistero.

La storia inizia nel 1718 nella Loira, incontriamo una Jade molto giovane che, affascinata e attratta dal giardiniere, accetta le sue avances. Purtroppo il loro incontro amoroso si rivelerà un errore e il Marchese deciderà di punirla severamente. Per una donna piena di vita e appassionata come lei, questa prigionia può essere solo la morte; ma Jade non si arrenderà a questo destino nefasto, perché lei ha un dono.

Tua madre, Jasmine, è morta nell’atto d’amore supremo, dandoti la vita. Vivrai per sempre Jade, eternamente giovane, eternamente bella. Sarai molto desiderata, molti uomini possederanno il tuo corpo, ma uno solo il tuo cuore. Guardati da quell’uomo Jade, perché solo il frutto del vostro amore potrà spezzare la tua esistenza.

Un dono che può diventare una maledizione, una sofferenza. Jade ha la bellezza, ha la vita eterna, ma nonostante la sua esistenza sia costellata d’incontri e uomini, vive di solitudine, dolore e separazione, in attesa che il suo amore torni da lei.

Quando coglierò di nuovo il tuo sguardo fra mille altri, quando riapparirai nella mia vita, uguale eppure sottilmente diverso, ma sicuramente identico nel sentimento che ci unirà di nuovo, in toccato e incorrotto nonostante il fluire del tempo verso un finale che so già drammatico. Io prigioniera di un circolo vizioso, come in un copione scritto da uno sceneggiatore sadico …

L’autrice marca molto sulla contrapposizione: amore e odio, dove c’è l’uno non può mancare l’altro, particolare molto presente nelle dinamiche della storia di Jade.

Certo amata, non solo da Jacques, e nello stesso tempo odiata con la stessa intensità da figure negative. Non parlo di lotta bene contro male, ma anche la protagonista fa dei cambiamenti radicali, diventando vendicativa, davanti all’ingiustizia verso il loro amore, pensando comunque che le sue azioni siano guidate dalla ragione.
La storia è raccontata da Jade in prima persona, il libro è strutturato in capitoli medio/corti con vari salti temporali, si passa continuamente dal passato al presente, passando da altri periodi storici che fanno da intermezzo.

Il passaggio tra un periodo e l’altro è veloce, evidenziato anche dal cambiamento dei luoghi – Francia e Italia – tanto che può confondere il lettore e in alcuni passaggi si svelano dei particolari che tolgono un po’ di mistero al capitolo successivo. La scrittura è evocativa, ricca di descrizioni visive e sensazioni, lettura scorrevole e piacevole con un buon ritmo, tenuto sempre elevato da scene di azione e inseguimenti. Non si tratta quindi del solito romance. Lo definirei un insieme di generi che parte dal rosa per arrivare al thriller, pieno di colpi di scena. Da amante di libri storici, ho apprezzato che ogni epoca sia stata ricostruita in base agli usi e costumi conosciuti, rendendo più realistica la storia.

 

Recensione a cura di Patty Bra

Condividi adesso!
Precedente #Laura-Dì: L'ultima regina - C.W Gortner Successivo #Recensi-Dì: Il marchio degli stregoni - Alberto Da Monile

Lascia un commento

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.