Recensione a: “Lacrime d’Argento” di Viviana Leo

10799539_10202890553851708_2012488445_nLecce, una giovane ragazza pedala tranquilla con la bicicletta, persa nei proprio pensieri quando, improvvisamente un uomo dai lunghi canini appare dal nulla.

Il giorno successivo all’aggressione alla porta di Violet si presenta una ragazzina scampata all’aggressione di due vampiri, per puro caso non è stata uccisa, ma Susan, invece di essere spaventata, insiste con Violet per potersi unire a lei e uccidere vampiri.

Violet ha strani incubi, ricordi che non fanno altro che far riaffiorare un dolore nascosto nel suo passato e che celano il motivo per cui ha deciso di diventare una cacciatrice di vampiri.

Qualche tempo più tardi la nostra protagonista si imbatte in Alexander, un vampiro che però le è amico e questi le rivela che c’è un traffico di ragazze in corso, vittime innocenti di vampiri assetati di sangue. La ragazza non può fare a meno di desiderare di fermare questo orrore.

Vecchi volti risalgono in superficie, amici e soci improvvisi aiuteranno Violet in quest’impresa. Ma mettersi contro i vampiri, non è cosa che porti sempre lieti fini. Cosa accadrà alla nostra cacciatrice? Quali le imprese e i sacrifici che dovrà compiere?

E chi sarà l’uomo misterioso che offusca la sua mente?

Queste cose dovete scoprirle da soli durante la lettura.

Se amate le storie dove per protagonisti ci sono questi essere dai canini aguzzi, allora non potete perdervi questa saga di Viviana Leo.

Queste creature vengono finalmente descritte come appaiono nella mitologia, feroci e sanguinarie, abbiamo per fortuna abbandonato l’idea del vampiro buono e luccicante che ci aveva seguiti negli ultimi anni.

Molto belli gli ambienti descritti da Viviana, ci sono alcuni passaggi in cui ti senti davvero nei luoghi che lei ci descrive e come non provare un brivido di freddo nella scena finale?

Insomma, se avete amato e conosciuto questa scrittrice con il suo romanzo targato Butterfly, “L’altra metà della mela” sono certa che vi stupirete di quale cambiamento abbia fatto, perché “Lacrime d’argento” è un romanzo completamente diverso dal primo!

Viviana abbandona un po’ la dolcezza con cui si era fatta conoscere e passa, con questo romanzo a una storia più forte e cupa. Credo dobbiate proprio scoprire questa nuova veste dell’autrice perché sono certa vi stupirà come ha fatto con me!

 

Condividi adesso!
Precedente Intervista a Elena Russiello, autrice di "Ricomincio da me" e "Aspettavo noi" Successivo Recensione a: "Paradise Valley-La trilogia" di Patrizia Ines Roggero

Lascia un commento

*