Recensione a ““Il redento” di Tommaso Adiletta”

 

redento
La recensione di Marika

Trama: Angelo è un ragazzo speciale, dotato di grandi capacità intellettive e conoscitive. Come tutti gli adolescenti è in continua ricerca di se stesso ma ha la sfortuna di diventare il bersaglio di alcuni bulli del suo paese, Faro, una piccola cittadina del Sud Italia. Lo spirito di rivalsa e la conoscenza di Carmen, una bellissima ragazza, sua coetanea, lo condurranno a vivere un’esperienza terrificante all’interno di una setta satanica, i Figli della Bestia. Allo stesso tempo una serie di omicidi sconvolgerà la cittadina e il commissario Ionico, aiutato da don Gabriele Polvere, riuscirà a scoprire chi veramente si cela dietro questa spirale di violenza. Il Redento è un fantasmagorico thriller “demoniaco” in cui il Bene e il Male combattono battaglie insospettabili per la salvezza o per la dannazione eterna degli uomini. Nessuno escluso.

Recensione: Ho letto questo libro un po’ scettica, all’inizio… immaginavo giovani ragazzi che durante la lettura avrebbero potuto pensare che gli è tutto permesso, tanto “non mi accadrà nulla”.

Poi ho continuato e tra me ho detto: «Bravo Tommaso!». Ha saputo davvero dosare bene le parole, narrando i fatti in una maniera davvero ottima, con suspance capace di tenere il lettore incollato alle pagine.

Faro è una cittadina come molte, abitata da gente buona e meno buona. Tra i buoni c’è Angelo, un sedicenne schivo, si può dire timido, che, come accade spesso a ragazzi come lui, viene bullizzato.

Ma tace, sbagliando. Accetta botte e soprusi, senza dire nulla ma covando vendetta.

Quando conosce Carmen, una bella ragazza, tutto cambia. Sarà lei a portarlo in un luogo brutto, uno di quelli dove tutti devono tenersi alla larga ma, quando vede che può vendicare con facilità il male ricevuto, ci casca, entrando tra “i Figli della Bestia”, una setta satanica.

L’ascesa verso il Male è veloce, finché don Gabriele, grande amico di Angelo, non si accorge del cambiamento del ragazzo e capisce cosa deve fare: mettere in atto, anche su di lui, le sue abilità da esorcista.

Sì, anche, perché il Male non ha colpito solo Angelo… ma per scoprirlo vi consiglio di leggere il libro perché merita.

Credo infatti che Il Redento, vada letto dai genitori per capire meglio le difficoltà che i figli possono avere nell’ammettere di venir bullizzato, e i giovani per comprendere meglio quanto possa essere deleterio cadere in certe brutte compagnie…

Certamente un libro che fa riflettere.

non esistono errori a cui non ci sia rimedio

Recensione a cura di Marika Bernard

Condividi adesso!
Precedente Parliamo di Valerio Massimo Manfredi Successivo Recensione a "Incubi" di Gaetano Russo

Lascia un commento

*