Recensione a “Nithràl – Il ciclo della rinascita” di Francesco Leo

rinascita

La recensione di Patrizia

La Stella della Profezia ha scelto, e il ritorno dell’oscurità è vicino. Alleati e nemici si confondono, mossi da verità celate il passato diventa presente e il futuro diviene incerto, mentre i popoli di Mirthya vengono chiamati a lottare sotto un unico stendardo “Eccoci, finalmente. Soli, io e te”, disse Viktor. Edgar si voltò.
Parto subito con un assaggio, poche righe che racchiudono l’essenza del libro:

“Com’è curiosa la vita …”, pensò ad alta voce. “Cosa intendi?”, chiese Selene. “In generale: quello che ti accade, le persone con cui stai, la gente con cui parli. Oggi credi che nulla cambierà, che certi amici non potrai mai perderli e il giorno dopo, invece, ti trovi a dover combattere quelle stesse persone che reputavi amiche. O, peggio, si arriva a dimenticare ciò che hai condiviso con loro.” “Ti riferisci alla stella?”, indagò la maga bianca. “Alla realtà in ogni sua sfaccettatura …

Dopo il primo libro della saga, tutto si rimette in gioco, Viktor troverà nuovi alleati, in persone inaspettate e con quelli vecchi qualcosa si spezzerà, non sempre viaggerà con le persone che ama, ma avrà modo di meditare sulla profezia e con nuove rivelazioni, prenderà le sue decisioni da cui dipende la salvezza di tutto il loro mondo.

Mi è piaciuta molto l’evoluzione di Viktor, all’inizio costretto al suo ruolo di eletto, sottomesso al volere della stella e alla loro preparazione, poi sempre più cosciente di se stesso e del suo scopo, arrivando a cambiare il suo destino e non solo …

Una crescita non solo dei personaggi, ma anche dell’autore che ha saputo intrecciare le avventure di ogni protagonista, perché se nel primo libro tutto ruotava intorno a Viktor, ora prendono importanza anche Selene e Gabriel, la loro presenza non è solo di sfondo o di appoggio al protagonista, ma diventano indispensabili per tutta l’intricata storia, che non è solo di eroi, ma di persone vere con i loro difetti e le loro debolezze, compreso Viktor. Una forza che nasce dall’amore per la famiglia, per l’uomo o per la donna che si ama, per il mondo che li circonda. Nel loro viaggio incontrano personaggi di natura diversa, carismatici e ricchi di sapere, uno spiraglio sul passato che mostrerà un presente diverso da quello che sembra e un futuro da conquistare. Una ricerca che incalza, Viktor, Selene e Gabriel vogliono trovare una pietra leggendaria che i più credono mai esistita, ma Viktor segue le visioni di Xemnath, l’eletto precedente, che attraverso i sogni lo guida in un contatto ultraterreno, dandogli molti spunti su cui riflettere. Sarà questa la decisione giusta? Selene e Gabriel staranno sempre al suo fianco e lo aiutano nel difficile compito di trovare la pietra, un’avventura ricca di scontri, alleanze, amicizie, elfi, regine, cavalieri, stregoni, maghi, centauri e antagonisti letali.
Viktor è diverso dagli eletti precedenti, ma cosa lo rende tale? La determinazione, la speranza di trovare una soluzione, lui non vuole morire nel suo compito, ma vuole tornare al suo villaggio e vivere in pace con le persone che ama. Riuscirà nel suo intento? Se succedesse qualcosa d’inaspettato, se la speranza venisse a mancare, cosa succederebbe?
Una scrittura che cattura l’attenzione, personaggi approfonditi e scandagliati minuziosamente, ognuno ha il suo spazio ed è messo in evidenza, attraverso il passato o il presente, ogni persona, creatura incontrata dai nostri viaggiatori diventa protagonista. Una storia complessa e presentata da più punti di vista, permettendo una visione completa di tutto quello che sta accadendo. Il bene e il male che coesistono, un inseguimento che non può trovare fine, un braccio di ferro eterno che pende da un lato o dall’altro cercando sempre di tornare al punto di partenza, creando un equilibrio precario. Facendo leva su questo gioco infinito, Francesco usa creature leggendarie tipiche del fantasy, persone normali e sapienti di magia, plasmandoli a suo piacimento per creare battaglie epiche e una storia piena di colpi di scena, tutta da leggere.

Buona lettura

Patty

Condividi adesso!

Lascia un commento

*