Recensione a “Questo piccolo grande errore” di Viviana Leo

errore
La recensione di Adriana

Buonasera a tutti cari lettori! Oggi un piccolo fuori programma. Vi parlerò dell’ultimo libro che ho appena terminato di leggere: “Questo piccolo grande errore” di una mia carissima amica virtuale, Viviana Leo. Iniziamo 🙂


TRAMA

Lucy è una normalissima ragazza di ventisei anni. Indipendente, un po’ introversa ma molto simpatica ed auto-ironica. Non ama molto uscire di casa. Infatti, a una serata in discoteca preferisce senza ombra di dubbio stare in casa a guardare alla TV il suo attore preferito, Steven Darrin, nelle ultime puntate del suo telefilm preferito, Blood Valley. La sua vita sembra procedere in modo abbastanza normale e, a volte, noioso. Ma, cosa succede se all’improvviso, una mattina, ti svegli al fianco del tuo attore preferito? E soprattutto, cosa pensi che possa succedere se un filo magico ti tiene legata a lui? Toccherà ai nostri Lucy e Stev capire come spezzare questo legame magico. Però, chissà, forse spezzato il filo si creerà un altro legame ancora più forte? Una convivenza forzata si trasformerà in qualcosa di piacevole? Lucy e Steven sono due mondi opposti. Lei è normale e un po’ incarne. Lui è famoso e con un fisico scultoreo. Lei è una semplice commessa. Lui è l’attore più stimato e desiderato dalle ragazzine di tutti i tempi. Riusciranno a trovare un punto di incontro?
RECENSIONE

Iniziamo come sempre dall’analisi del libro.
Il volume consta circa 250 ed è suddiviso in 18 capitoli.
La narrazione avviene in terza persona. Devo dire che sto iniziando ad apprezzare questo tipo di narrazione. Viviana rende ancora più piacevole la lettura perchè riesce comunque a far trasparire i pensieri più profondi e intimi di tutti i protagonisti, nonostante la narrazione esterna.
Il linguaggio, informale e molto scorrevole, rende la lettura molto piacevole e accessibile a tutti.
Non ci si annoia nemmeno un secondo con questo libro. Troppi colpi di scena. Troppi attimi quasi inaspettati e avvincenti.

Adesso analizziamo il testo.
Innanzitutto, devo dire che il personaggio di Lucy si è dimostrato simpatico gia dalle prime pagine. Inizialemente si presenta come se fosse una figura banale, scontata, ma continuando la lettura si scopre una Lucy con un cuore grandissimo. E’ dolcissima, forse un po’ troppo timida, ma è disposta a sacrificare la sua felicità pur di far sorridere le persone che ha accanto.
Andiamo al “Caro Stev”. Come primo appunto, ci tengo a precisare che non ho fatto altro che impersonificare questo protagonista con le sembianze di Ian Somerhalder. Non so quanti di voi lo conoscono, ma vi assicuro che è lui in persona. Cosa dire di lui? Lunatico, egocentrico, prepotente, viziato, scontroso? Sì! Ma con un cuore immenso anche lui. Steven è il tipico attore che tutte le ragazze ammirano per la sua bellezza. Nessuno lo conosce come Lucy. Purtroppo, però, sono troppo diversi per stare insieme. E’ questo che continua a pensare Lucy. In effetti Steven è troppo bello per stare con una ragazza ordinaria come lei. Eppure, le super modelle ormai sono quasi del tutto insignificanti agli occhi di Steven. Forse qualcosa è cambiato dentro di sé? Scopritelo voi!

Anche questa volta Viviana Leo si è dimostrata perfetta e soprattutto ha catturato in pieno la mia curiosità fin dalle prime pagine! Credo che sia raro e non tutti gli autori ne sono sempre capaci.
Non vedo l’ora di poter leggere altre sue storie.
Per il momento mi gusterò l’amarezza di aver terminato così velocemente una storia davvero meravigliosa.

Siamo arrivati ai saluti. E’ stato un piacere poter condividere con voi questa lettura. Spero di avervi incuriosito 🙂

Adesso, a voi i commenti.

Adriana Sanfilippo

Condividi adesso!
Precedente Recensione a: "The Century Trilogy" di Ken Follett Successivo Recensione a “Chi parla poco, ha gli occhi che fanno rumore” - Silvia Brindisi

Lascia un commento

*