Recensione a Velluto grigio di Silvana Roselli

Francesco Leo ci parla di Velluto Grigio, un romanzo di Silvana Roselli. Siete curiosi di sapere che ne pensa?

Silvana Roselli, autrice autopubblicata, ci racconta la storia di Madeila Calvino, ragazza che ha perso la memoria.
Ma come è successo tutto questo? Nessuno riesce ad aiutare la povera protagonista dodicenne, alla continua ricerca di tasselli di un mosaico che sembrano essere introvabili.
Forte della scoperta del proprio talento musicale, la giovane inizia così un percorso nuovo dandosi una seconda possibilità. I rapporti con amici e parenti vengono assaporati come se stesse conoscendo tutti per la prima volta e la musica la porta con sé in giro per il mondo.

Nonostante tutto, ogni notte gli incubi tornano a torturare Madeila, che dopo un evento improvviso giungerà nel luogo in cui tutto è cominciato.
Una rapida successione di eventi e adrenalina, quelli imbastiti da Roselli, che tengono col fiato sospeso e trascinano il lettore in un vortice crescente di curiosità e bramosia di conoscere l’epilogo degli eventi. Spalla di tutto questo uno stile e una scrittura pulita e piacevole, mai banale né complessa, seppur con leggerissime sbavature.
Un’opera che apre alla riflessione e sprona alla ricerca di noi stessi che, delle volte, proprio come Madeila, ci troviamo a lottare per scoprire le verità che circoscrivono la nostra vita.

 

– Il giorno in cui ti hanno portata qui – le spiegò – ti hanno trovata in riva al mare, immersa nell’acqua, con tutti i vestiti. Eri lì da molto tempo, a giudicare dalla tua pelle, e hai rischiato di morire! Ti abbiamo curata e alla fine la broncopolmonite è andata via. Ma tu hai continuato a fare la bella addormentata! Va be’, forse hai bisogno di tempo. Parleremo ancora, adesso facciamo entrare la mamma, che sta aspettando e di sicuro avrà voglia di abbracciarti.

Recensione a cura di Francesco Leo

Condividi adesso!
Precedente Segnalazione: Cuori in prigione - Yamila Abraham Successivo Segnalazione: IMPOSSIBILE - Julia Sykes

Lascia un commento

*