Adotta un libro

Vogliamo proporvi una nuova iniziativa. Si tratta di Adotta un libro.

In cosa consiste?

“Questo luogo è un mistero, Daniel, un santuario. Ogni libro, ogni volume che vedi possiede un’anima, l’anima di chi lo ha scritto e l’anima di coloro che lo hanno letto, di chi ha vissuto e di chi ha sognato grazie a esso. Ogni volta che un libro cambia proprietario, ogni volta che un nuovo sguardo ne sfiora le pagine, il suo spirito acquista forza.” … “Noi li vendiamo e li compriamo, ma in realtà i libri non ci appartengono mai. Ognuno di questi libri è stato il miglior amico di qualcuno.”

(Dal capitolo il cimitero dei libri de “L’ombra del vento” di Carlos Ruiz Zafòn).

Credo che, Zafon, spieghi meglio di me il significato dell’adozione!

Quello che vi chiediamo è di spedire ai nostri indirizzi ( https://soleeluna.altervista.org/intervistiamo-autori-di-romanzi/):

  • Titolo del libro scelto per essere adottato
  • Nome dell’autore
  • Descizione sintetica del libro in questione
  • Il tuo nome
  • La motivazione che ti ha spinto, fra tanti titoli, a scegliere proprio questo.

 

L’unica regola sarà quella di non poter adottare lo stesso libro in più persone, quindi controllate bene che, il titolo da voi scelto, non appartenga già a qualcun altro!
Partecipate numerosi!

 

Precedente 'Quando meno te lo aspetti', seconda parte - cap 10. Successivo Intervista a Cassandra Nudo autrice di: Un’estate perfetta, Seneca edizioni

3 commenti su “Adotta un libro

  1. Laura Bellini il said:

    Non è facile scegliere un libro da adottare, si tende a seguire l’istinto scegliendo quello che più ci è rimasto impresso negli ultimi tempi. Almeno a me sta capitando questo e, dopo minuti e minuti di riflessioni, non ho ancora sbrogliato la matassa! 🙂

  2. Laura Bellini il said:

    Ho pensato e ripensato e, alla fine, ho scelto di adottare il libro che, negli ultimi anni è stato al primo posto assoluto dei romanzi che ho amato.
    La Straniera di Diana Gabaldon
    Nel 1945 Claire Randall, un’infermiera militare, si riunisce al marito alla fine della guerra in una sorta di seconda luna di miele nelle Highland scozzesi. Durante una passeggiata la giovane donna attraversa uno dei cerchi di pietre antiche che si trovano in quelle zone. All’improvviso si trova proiettata indietro nel tempo, di colpo straniera in una Scozia dilaniata dalla guerra e dai conflitti tra i clan nell’anno del Signore 1743. Catapultata nel passato da forze che non capisce, Claire si trova coinvolta in intrighi e pericoli che mettono a rischio la sua stessa vita e il suo cuore.

    Perché questo libro?
    Semplice. Diana Gabaldon inserisce in questo romanzo tutti gli ingredienti che fanno di uno scritto un vero capolavoro. C’è molta storia, con ricerche accurate e ben descritta. Non impartisce lezioni scolastiche delle battaglie scozzesi, vi inserisce i personaggi con una maestria che non ti sembra di leggere qualcosa di relamente accaduto.
    C’è l’amore, un amore che supera ogni cosa, anche il tempo, ma che, vedrete è anche divertente, niente di sdolcinato.
    C’è l’avventura e anche il mistero.
    Insomma è un romanzo completo che vi farà sognare, divertire, arrabbiare e desiderare ardentemente di prendere il primo volo per la Scozia!

  3. Dany il said:

    Non è una scelta facile scegliere un libro da adottare quando,per motivi diversi,ce ne sono parecchi che occupano un posto speciale nel tuo cuore….dopo vari ragionamenti ho deciso che LA CUSTODE DI MIA SORELLA di Jodi Picoult è il libro giusto
    Il libro racconta la storia di Anna,una ragazzina di 13 anni che è stata concepita in vitro con le giuste caratteristiche genetiche che servono a fare di lei la donatrice perfetta per la sorella Kate malata di leucemia.Fino dalla nascita Anna è stata continuamente sottoposta a trasfusioni,iniezioni,interventi chirurgici;la sua vita e il suo corpo sempre a disposizione della sorella ogni volta che lei ne ha il bisogno.Anna sa che quello è il suo ruolo e non lo mette in discussione fino al momento in cui i suoi genitori le dicono che dovra’ donare un rene.Decide cosi’
    di rivolgersi ad un avvocato e di fare causa alla sua famiglia per ottenere l’emancipazione medica.
    Il mio breve riassunto non rende giustizia al libro e nemmeno ad Anna che meritano entrambi di essere conosciuti e ascoltati.Ogni capitolo viene raccontato con un io narrante diverso e questo ci permette di capire meglio i punti di vista di ogni personaggio fino ad arrivare ad un finale che spiazza e travolge.
    E’ un libro emozionante,toccante,un libro che ti impone delle riflessioni….è un libro che semplicemente ti rimane dentro

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.