#Intervista-dì con Michele Milia

L’ospite di oggi si chiama Michele Milia, e oggi è qui al Sole e Luna Blog per raccontarci il suo libro “Cos’è meglio?"… Pronti a scoprirlo insieme?

Benvenuto nel Sole e Luna Blog per scrittori esordienti! Ti va di presentarti al nostro pubblico? Dove vivi? Come riempi le tue giornate?

Ciao a tutti, il mio nome è Michele Milia. Sono nato il 14/08/1999 a Caltanissetta, città in cui vivo tutt’ora. Sono ancora uno studente, quindi la mattina frequento le lezioni. Mentre i pomeriggi li passo o in palestra o a Karate, sport in cui nel 2015 sono diventato campione Internazionale. Durante il fine settimana mi dedico alla scrittura.

Com’è nata la passione per la scrittura?

La scrittura per me è sempre stata una fuga dalla realtà, grazie ad essa riuscivo ad entrare in un mondo in cui ero io a dettare le regole. Iniziai a scrivere in 3° Elementare, storielle più che altro. La scrittura mi è servita anche per dare sfogo alla mia immaginazione che nel mondo reale, molte volte, mi veniva rimproverata. 

Ti va di raccontarci in breve la trama del libro che ci vuoi presentare?

“Cos’è Meglio?” descrive i giorni lavorativi di un detective che vuole risolvere al più presto il caso di una ragazza morta e, per farlo, coinvolge tutto sé stesso, trascurando, almeno in parte, la nascita imminente del suo primo figlio. Ogni dettaglio può essere un indizio. Ogni personaggio ci incuriosisce e porta a chiederci cosa sia successo veramente.

Chi è il protagonista assoluto della storia?

Il protagonista è il Detective Caruso

Hai preso spunto da te stesso o da alcune tue conoscenze per tratteggiare i personaggi del libro?

Il Detective ha un carattere molto simile al mio. Dà il massimo in qualsiasi cosa lui faccia e odia non riuscirci. Gli altri personaggi in realtà sono nati da soli, nessun riferimento a nessuno…

Perché pensi che un lettore dovrebbe dedicare parte del proprio tempo al tuo libro?

Intanto per il semplice fatto di allargare i propri orizzonti… non posso, ovviamente, pretendere che piaccia a tutti, però consiglio la lettura perché non abbraccia un solo tema, ma parlando di varie tematiche si toccano gli interessi un po’ di tutti. Si parla di bullismo, d’amore, di discordie familiari ma allo stesso tempo d’amore per la famiglia. Il tutto racchiuso in poche pagine molto scorrevoli da leggere, quindi è consigliato anche a chi in genere dice che non gli piace leggere perché lo annoia.

Hai già tenuto delle presentazioni? Come sono andate? Quale credi sia il modo migliore per promuovere il proprio libro?

No, non ho ancora avuto modo di fare una presentazione, però ciò non ha gravato sulla vendita di miei libri che sono riuscito con facilità a sponsorizzare tramite i vari social. Sono un grande strumento se usato con responsabilità.

Cosa pensi dell’attuale editoria italiana?

A parer personale è molto cara, soprattutto se si è uno studente e non si vuole gravare sulle situazioni familiari. Non sempre si ha la fortuna di vedere il proprio libro in libreria anche se, con l’altro mio libro (“Il Cielo che ci unisce”), ho avuto la fortuna di vedere il mio impegno ripagato

Vuoi indicarci un indirizzo o una pagina web dove poterti seguire?

Potete rimanere aggiornati su tutto seguendo la mia pagina Facebook “Michele Milia” e/o seguendo il mio sito web “www.michelemiliaofficial.flazio.com”

Quali sono i tuoi progetti futuri in ambito letterario?

In questo momento mi sto dedicando alla scrittura di un nuovo libro… per il futuro spero di continuare a scrivere nonostante la vita mi metterà davanti altri impegni e occupazioni

Grazie per essere stato con noi e buon proseguimento.

Grazie a voi per il tempo e per lo spazio dedicatomi.

Intervista a cura di Dylan Berro

Condividi adesso!
Precedente #Segnala-dì Pickup Men di L.C.Chase Successivo #Segnala-dì Una settimana per (non) innamorarmi

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.