Crea sito

Il piccolo faro e il delfino blu di Daniela Tresconi

Continuano le recensioni della nostra MariAnna.
Il piccolo faro e il delfino Blu sono due racconti destinati ai bambini dai 5/6 anni in su, editi NPS edizioni e scritti da Daniela Tresconi.

Il primo racconto si svolge sul Molo Italia, dove si trova il piccolo faro rosso, che quando il sole lascia il posto alle ombre della sera, si accende.

“Il piccolo faro” si sente inutile, messo da parte dal fratello maggiore, moderno e più tecnologico. Vorrebbe girare il mondo, guidare a sé le grandi navi da crociera, invece è costretto a rimanere lì, su una scogliera ai margini del porto, chiedendosi se potrà mai dimostrare il suo valore. L’occasione arriva in una notte di tempesta.

Il piccolo faro senza nome ha però una grande fantasia e sogna tutti i giorni di trovarsi in mare aperto e diventare la luce per le grandi imbarcazioni. E di dimostrare il suo grande valore.

Gli altri personaggi importanti sono i tre rimorchiatori: Sbuffo, il più vecchio del gruppo, Skizzo, giovane e pieno di energie, e Stecco, il chiacchierone.
Alcune frasi emblematiche sono:

“Non aveva neppure un nome quel piccolo faro, nessuno sapeva chi lo avesse costruito, né quando.”

“Nella vita non conta essere alti, quello che conta è essere all’altezza.”

Anche il secondo racconto si svolge nel Golfo della Spezia, ma esso ha come protagonisti uno degli abitanti di quel mare, il piccolo Blu.

“Il delfino Blu” è un delfino curioso, sempre in cerca di novità, attratto dalla vastità di ciò che lo circonda. Un giorno, disobbedendo alla mamma, conosce Marco, un ragazzo solitario, preso in giro dai compagni, e dal loro incontro nascerà una splendida amicizia.

il piccolo faro e il delfino blu di daniela tresconi

Blu è un cucciolo di delfino, che ama giocare e scoprire il mondo. Lui è un bravo delfino e cerca sempre di ascoltare la mamma, ma non riesce a fare sempre ciò che lei gli dice, come non avvicinarsi alla città e agli uomini.

Infatti, è proprio disobbedendo alla mamma che un giorno sente un bambino con una matassa di riccioli biondi e un bel cappellino rosso piangere e non riesce a tenersi lontano, anzi prova ad attirare la sua attenzione, facendolo sorridere.

Quel bambino si chiama Marco e da quel giorno i due trascorrono l’estate insieme, divertendosi. Blu aiuterà il piccolo Marco a diventare più sicuro di sé. Un altro personaggio da menzionare è senz’altro Pietro, il bulletto della classe, che rende difficile la vita al povero Marco.

Le frasi più rappresentative sono:

“A Blu piace tantissimo il mare, la mamma gli ha insegnato che bisogna amarlo e rispettarlo, anche se purtroppo alcuni uomini continuano a buttare i rifiuti nella loro bella casa.”

“La lingua non ha ossa, ma a volte con le parole possiamo fare più male che con un bastone.”

Lo stile dell’autrice è semplice, immediato e diretto, ma anche arricchito da minuziose descrizioni che fanno quasi vedere il sole che tramonta e la tempesta che troneggia. Nel racconto del piccolo faro, oppure il piccolo delfino che salta e schizza fuori dalle onde del mare.

Il libro contiene alcuni disegni da colorare, realizzati a mano dall’autrice, sono davvero ben fatti e aiutano l’immaginazione del bambino.

In particolar modo, mia figlia, della giusta fascia d’età, ha apprezzato questa storia, la copertina e i vari disegni. Stranamente si è appassionata maggiormente alla storia del piccolo faro, anche se si è pure preoccupata per i piccoli abitanti del mare, messi in pericoli dai rifiuti. La lettura è risultata scorrevole e sono risultati bei racconti della buonanotte, aiutandola a riflettere sull’importanza di preservare il mare, come risorsa naturale.

Due splendidi racconti di scoperta, crescita personale e amore per il mare.

Favole dal forte messaggio ecologista che aiuta i bambini a comprendere l’importanza della natura, in particolar modo del mare, come risorsa da preservare e proteggere. Un altro messaggio importante è quello di rispettare le differenze.

Due racconti adatti ai bambini dai 5 anni che aiutano a sognare, a imparare a rispettare chi è diverso da noi e insieme a capire che la natura è un bene prezioso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.