Recensidì “Senza far rumore”

Riccardo Castiglioni giunge alle rive del nostro blog presentandoci “Senza far rumore”.

LA TRAMA

Una vita vissuta in sordina, una ragazza ignara del pericolo che corre, il passato oscuro che ritorna. Antonio, insegnante in pensione, conosce on line Claudia, un’universitaria appassionata di libri come lui. Le strade dei due si divideranno per colpa di un banale equivoco per poi tornare a incrociarsi quando, dal passato di Antonio, un vecchio incubo dimenticato emergerà minacciando Claudia.

LA RECENSIONE

Già dal titolo si percepiscono gli intenti dell’autore nel portare al pubblico una storia che non s’impone sulle altre ma che, anzi, le arricchisce. Il tema, infatti, ci permetterà di arrivare a delle concezioni, quali quelle dell’innamoramento e della lotta con il passato, che integrano l’esperienza di qualsiasi lettore con profonde riflessioni.

La CE La Ponga s’arricchisce della trama thriller che vede come protagonista Antonio, insegnante in pensione che conosce tramite il web Claudia, una studentessa universitaria. I due saranno uniti da un interesse sempre più forte, finché si scoprirà che la vita della ragazza è in pericolo.

Antonio resterà così imbrigliato in una ragnatela fatta di ricordi personali da arginare e una vita da proteggere.

Un’interessante visione, quella proposta dall’autore, di come anche le cose più semplici e che dovrebbero risultare leggere – come una conoscenza – possano portare a responsabilità e pesi inaspettati e duri da sostenere. Una battaglia, quella di Antonio, che con facilità si può accostare alla vita di ognuno di noi, intenti a trascorrere le nostre giornate ignari dei pericoli dietro l’angolo, ma sempre disposti a farci a pugni per avere la meglio.

Complice della buona trama è lo stile, che seppur con qualche disattenzione, rende in ottimo modo lo scenario e le vicende imbastite dallo scrittore.

La penna è scorrevole, il vocabolario ampio e l’uso della terminologia appropriato e ben ponderato.

LINK AMAZON AL LIBRO

Francesco Leo

Precedente #Segnala-dì Giustizia Sottratta Successivo #Segnala-dì Una promessa di Natale

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.