Segnalazione “Morbosità e cinema – un secolo di storie turpi”

11224261_10206836118255902_6928089736532576001_nOggi segnaliamo l’uscita di un romanzo scritto da due autori: Giulio De Gaetano e Melania Colagiorgio. Vediamo insieme il contenuto e conosciamo poi gli autori!

Sinossi:

“Queste righe vogliono essere un viaggio più o meno psichedelico che parte dai meandri del cinema porno, si avviluppa intorno ai cardini della violenza e sublima nella valenza dell’ossessione dello sguardo. Si narra di quel cinema sporco, mai immaginato dai fratelli Lumière, di quei frame trasudanti significati reconditi o espliciti, sospinto da un focus sulle pellicole ritenute soggettivamente più espressive, stimolanti, anestetizzanti o forse semplicemente più divertenti.” 

“Morbosità e cinema – un secolo di storie turpi” vuole farvi sbirciare dentro un oblò oltre il quale galleggiano cento anni di società e folclore. Un impietoso sguardo rivolto verso eventi caustici che sembrano voler spingere l’uomo a rintanarsi di fronte alla televisione o nel silenzio di una sala, per non vedere oltre, dimenticando ciò che lo attende fuori. Gemiti di passione, fremiti, urla disperate e sussurri, confluiscono nel cinico scorrere delle immagini di film. “Gola profonda” come “Cannibal holocaust”, “Immagini di un convento” come “Velluto blu”, “L’ultima orgia del Terzo Reich” come “Un chant d’amour”, divengono anfratti dove nascondersi, affilando lo sguardo e graffiando le labbra con i denti.

Gli autori:

Giulio De Gaetano: classe 1983, siciliano d’origine, vive a Bologna da oltre dieci anni. Instradato lungo la via dell’ingegneria, musicista e compositore dedito all’heavy metal e alle colonne sonore, dopo aver scritto su svariati webzines e magazines, ha creato Through the Black Hole (www.throughtheblackhole.com) portale di cinema, musica e letteratura indipendenti (e non).

Melania Colagiorgio: nata a Lecce, laureata in lingue e letterature straniere, filologia e altre piacevolezze. Traduttrice, insegnante, studentessa. Pochi interessi ma costanti, pubblica le sue prime poesie all’età di dieci anni, vive confortata dai libri, dai film e dalla voglia di conoscere il mondo. Nel 2008 inciampa per le strade di Bologna su Giulio De Gaetano e nasce un’insana collaborazione che procede tuttora su Through The Black Hole.

Condividi adesso!
Precedente Recensione a: "Maledetto libero arbitrio" di Debora De Lorenzi Successivo Recensione a "La schiava dei Tudor" di Isabella Izzo

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.